Vicolo…

Rùghe di malinconìa
invadono
il silente vicolo:
tacciono le voci del passàto
che con martellii celati
sovrastano
lo sterile giorno…

Mi abbandono ai ricordi,
seguendo il perpètuo moto…

@ Rosemary3

Rosa

Un aureo a R peggio con fluttuanti petali
l’anim O lambisce
in un’i S pirazione che del silenzio     
un suono A scrive

@ Rosemary3

L’eco del richiamo…

Lipogramma in “B” (*)

Adesso son qui
a rovistar tra i diafani fantasmi
del passàto
ed una quiete assordante
mi avvolge:
voci argentine
risuonano,
l’eco delle memorie
riportando…

@ Rosemary3

(*) – Un lipogramma (dal greco lèipo = lascio; e gramma = lettera) è costituito da un testo in cui non può essere usata una determinata lettera. In pratica, si prende un testo normale e lo si riscrive, sostituendo ogni parola che contiene la lettera proibita, con un suo sinonimo che non la contiene.

Perduta felicità…

Risuona il silenzio
che tra gli echi del passato
torna a sfiorarmi.
In una calda notte di stelle,
il firmamento di sogni e di chimere,
nel vento persi,
risplende:
accanto a me,
un olezzo di perduta felicità…
@ Rosemary3

Ricordi…

Nell’incanto mattutino,
lasciando intatto
lo scrigno dei ricordi,
emozioni esplodono
con languore
innaffiati di petali
di attimi
cesellati…

@ Rosemary3

Primavera

Acrostico mesostico

  s P oglia
la te R ra attende
il r I sveglio dal lungo letargo,
M omento di
l A nguida estasi…
Torneranno a rin V erdir
le chiom E e
si R assereneranno gli animi
colori facendo indoss A re alla natura

@ Rosemary3

Amo il vento…

Amo il vento,
quando il suo scompigliar
di chiome
sul calar della sera
i miei pensieri inonda.

Amo il vento,
quando il suo bisbigliar
di fronde
sul tramontar del sole
le mie emozioni spettina.

Amo il vento,
quando il suo arruffar
di attimi
sul violar del tempo
la mia sagacia ruba.

Amo il vento,
quando la sua musica
di versi
sul lusingar di luce
le mie note intona…

Amo te, petulante creatura,
amo rincorrerti raggiante
con le rime in petto…

@ Rosemary3

Vai alla barra degli strumenti